PROCESSO

Procedimento di fresatura di rotaie per l’eliminazione del Rolling Contact Fatigue (RCF) (fatica da contatto di rotolamento)

Head checks

si presentano soprattutto ai bordi della carreggiata di rotaie esterne alle curve e si formano con la fatica del materiale a causa degli effetti d’uso altamente dinamici nel contatto ruota-rotaia.
Con aumentata profondità di fessure c’è il pericolo di scheggiature fino alla modifica della direzione d’accrescimento nel livello di sezione trasversale. Nel peggiore dei casi ciò induce alla rottura della rotaia.

Wheel burns

Nelle zone di avviamento, di frenatura e di accelerazione può aver luogo uno slittamento delle assi motore dell’automotrice.
Ciò comporta tra l’altro degli indurimenti, uno spostamento di materiale degli strati superficiali ed un infossamento della superficie di scorrimento, cosìddette zone di slittamento. Queste inducono alla fessurazione ed in seguito a guasti dei materiali.

RCF

riducono in modo significativo la durata della rotaia a causa di fessurazione, di usura dei materiali o della formazione di difetti isolati. Alcuni di questi sono difetti come squats, belgrospies, ammaccature o corrugamenti, danni ai bordi della carreggiata, shelling, difetti di laminazione e correzioni della convergenza.
La manutenzione preventiva e la riprofilatura della rotaia possono impedire un’eventuale rottura della rotaia. Tramite fresatura e molatura del fungo della rotaia l’aumentata fessurazione, la stabilità di marcia non garantita come anche l’emissione acustica non trovano delle chance. La durata d’utilizzazione della rotaia viene prolungata in modo notevole.